Fiorenzuola di Focara, il 23 settembre “Vivi Dante…verso il settecentenario”

Prenderà il via  alle ore 16.00,in piazza Paoli, la quarta edizione della maratona di letture dantesche

PESARO – Torna domenica 23 settembre l’appuntamento con i versi di Dante Alighieri. A Fiorenzuola di Focara, “Vivi Dante…verso il settecentenario” vedrà protagonisti oltre 30 lettori che in piazza Paoli (in caso di pioggia, nella sede dell’ex palazzo comunale, in via Dante 1, sempre a Fiorenzuola) daranno vita a una lunga maratona di lettura della Vita Nova, a partire dalle 16 fino al tramonto. L’evento sarà aperto sabato 22 alle 17 con l’ultimo incontro della rassegna “Chiacchiere Dantesche” dal titolo “Introduzione alla Vita Nova” nella piazzetta sotto il campanile del borgo. Fiorenzuola celebra così il temibile “vento di Focara” (citato nel XXVIII canto dell’Inferno) con un’iniziativa nuova e insolita: se numerose e internazionali sono le maratone di lettura della Divina Commedia, totalmente inedita è quella che affronta il testo giovanile di Dante Alighieri.

La manifestazione, in realtà, altro non è che la quarta edizione della maratona che dal 2015 anima le vie del borgo di Fiorenzuola la quarta domenica di settembre. Ampliato, rinnovato e restaurato, l’evento ha per di più modificato il suo nome: non più “Focara per Dante” ma appunto “Vivi Dante…verso il settecentenario”, un titolo solenne, libero da legami territoriali, riadattabile anche al di fuori dei confini comunali e già proiettato al 2021, quando si celebreranno i 700 anni dalla morte del poeta.

Tutta la macchina organizzativa si trasferirà poi la domenica successiva, 30 settembre, a Gradara, dove è in programma il secondo appuntamento della kermesse. Cambierà leggermente il format ma non la ragione culturale alla guida dell’evento: sarà una maratona di lettura sparsa con tante postazioni che ricopriranno il suolo del borgo e lo riempiranno delle celebrate note dell’Inferno.

A guidare il tutto, Elisa Baggiarini, 27 anni, giovane insegnante che da anni porta Dante nelle scuole, e la sua neonata Associazione Culturale “Focara per Dante”, associazione che ha ereditato il vecchio nome della maratona e di cui Elisa è presidente.

“È stato per me un 2018 carico di traguardi, prima con la creazione ufficiale dell’associazione e poi con la nascita di ‘Chiacchiere dantesche’, il piccolo ciclo di incontri estivi che ci ha portato a conoscere e fidelizzare un folto pubblico di appassionati e ad instaurare importanti collaborazioni, su tutte quella con il Comune e la Pro Loco di Gradara. In questo fermento è stato poi naturale anche trasformare l’evento di settembre, a partire dal nome ‘Vivi Dante…verso il settecentenario’, una vera e propria esortazione alla vivacità, rivolta al pubblico e al poeta stesso”.

La costituzione ufficiale dell’Associazione ha sancito il cambio di passo per i ragazzi di Focara per Dante che ora guardano anche oltre i confini del Parco del Monte San Bartolo. Lo dimostra la nutrita presenza di lettori provenienti da ogni parte d’Italia, nonché l’amicizia e la collaborazione sempre più solida con gli altri gruppi che lungo lo stivale tutelano il patrimonio letterario dantesco e organizzano maratone di lettura. Anche la stagione invernale, dunque, si preannuncia ricca di appuntamenti che saranno costantemente presentati e aggiornati sulla pagina Facebook @focaraperdante, punto di ritrovo e di raccolta di idee per gli appassionati della materia.