Appignano celebra la Giornata per l’eliminazione della violenza contro le donne

25

Eventi sono in programma per sabato 25 novembre al teatro Gasparrini: spettacolo teatrale, dibattito ed esposizione delle opere artistiche in ceramica sul tema per sensibilizzare e creare una rete di sostegno contro la violenza sulle donne

APPIGNANO – Sabato 25 novembre 2023, al teatro Gasparrini di Appignano, nella Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, sono previsti eventi di sensibilizzazione .

“La violenza di genere è un fenomeno grave, diffuso e trasversale tra i diversi status sociali. uno dei maggiori rischi è che si possa divenire socializzati alla normalità della violenza, e questo non è ammissibile. – Ha dichiarato il sindaco Mariano CalamitaE’ necessario creare occasioni di confronto per permettere alle donne di capire ciò che significa violenza di genere, come si insinua nella coppia e come si sviluppa. Con gli eventi in programma vogliamo accendere i riflettori sul tema per aumentare la consapevolezza, il senso di solidarietà e di rete all’interno della comunità e per far conoscere i canali preposti di sostegno e di aiuto.”

Una giornata di eventi, aperti al pubblico nel teatro cittadino, patrocinati dalla Commissione per le pari opportunità tra uomo e donna della Regione, organizzata dall’Amministrazione comunale in collaborazione con le Associazioni e i maestri artigiani locali, in particolare con l’Associazione Culturale Prometeo, l’Associazione App Creativa, lo Studio Design Taruschio, l’artista scultore e maestro ceramista Sandro Messi e Il Cif Comitato italiano femminile di Appignano.

“Non è il momento della rabbia, è il momento della consapevolezza, da parte di tutti. – Ha affermato l’assessore alle Politiche Sociali Silvia PersichiniLe recenti vicende, che hanno straziato il cuore di tutti noi, hanno alimentato in molti la volontà di capire, di comprendere, di aprire gli occhi su quelli che sono gli stereotipi legati alla violenza di genere. Ma non solo, ha sollevato la necessità di un cambiamento culturale, forte, immediato, che abbracci tutte le generazioni, tutte le classi sociali, tutta la comunità. Un cambiamento che educhi al rispetto, alla dignità, all’uguaglianza dei diritti, alle pari opportunità. E’ il momento in cui la comunità intera deve stringersi in una riflessione collettiva e guardare avanti, guardare alle future generazioni, guardare oltre e desiderare insieme un futuro migliore. Invitiamo tutta la comunità a partecipare alle iniziative della giornata del 25 Novembre, per riflettere e agire insieme.”

Si parte alle ore 17 con l’apertura della esposizione artistica, dedicata al delicato tema, nel foyer del Teatro Gasparrini, in mostra le scarpette rosse in ceramica create dall’ associazione tutta al femminile App Creativa per l’iniziativa nazionale dell’ AICC (Associazione Italiana Città della Ceramica). Per sensibilizzare maggiormente l’opinione pubblica, quest’anno le artigiane dell’App Creativa, oltre alle numerose ed originali scarpette rosse, hanno creato anche dei bassorilievi artistici di donne con scarpette rosse dedicati alle “vittime” di amori malati nazionali e internazionali esposti nella mostra dal titolo “Inganni d’amore”. Una esposizione arricchita dalle foto di un’istallazione artistica realizzata presso il Monumento ai Caduti del Passetto di Ancona, imponente e rappresentativo luogo che permette di rafforzare il concetto del sacrificio di tante, troppe donne uccise solamente perché volevano migliorare la propria vita. Per questo, come nei Sacrari di guerra, ogni immagine o rappresentazione è dedicata ad una vittima con nome e cognome e il modo crudele di come è avvenuto l’omicidio. Il Monumento ai Caduti di Ancona esprime con tutta la sua potenza la tragedia della morte violenta, ma anche l’infinito della speranza, quando il mare va a toccare il cielo e diventa un tutt’uno.

Il maestro scultore Sandro Messi dello Studio Design Taruschio presenterà al pubblico un’installazione dal titolo “Bianco Grigio Rosso”: il bianco candido di una figura femminile, il grigio di un mondo che conosce l’orrore della violenza e il rosso simbolo dell’amore e della passione. Un’ esile figura femminile il cui colore è nelle scarpette che emergono da un mondo di violenza buio e oscuro.

Alle ore 21,15 si aprirà il palcoscenico del Teatro Gasparrini per la rappresentazione “Monarcas” a cura della Strana Compagnia El Duende, scritto e diretto da Lucia De Luca.

Un’opera teatrale che punta a mettere in luce tutti gli stereotipi di genere di cui spesso la quotidianità è pervasa, luoghi comuni che non raramente sfociano in violenza domestica, psicologica ed economica, tante sfaccettature della violenza di genere, di cui le donne sono vittima nella vita di tutti i giorni e che minano la loro dignità e il loro essere umano.

A seguire si terrà un confronto e dibattito sul tema, coordinato dalla Dott.ssa Daniela Zepponi, Presidente di Cna Impresa Donna Macerata, che vedrà i saluti della Dott .ssa Maria Lina Vitturini Presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Marche e gli interventi della Dott.ssa Antonella Ciccarelli, criminologa, psicologa, esperta in mediazione, formatrice dei centri antiviolenza della Regione, della Dott.ssa Elisa Giusti, Coordinatrice servizi Antiviolenza della cooperativa sociale “Il Faro”, gestore del Centro Antiviolenza di Macerata e della Dott.ssa Elisa Capozucca psicologa e psicoterapeuta presso il Centro Antiviolenza e Casa rifugio per donne vittime di violenza.

A tutti i presenti verranno donati delle piccole opere artigianali simboliche, delle bambole stilizzate con elementi in rosso, realizzati dal Comitato Italiano Femminile di Appignano in collaborazione con gli alunni della Scuola Primaria. Opere simboliche che verranno allestite anche negli esercizi commerciali del borgo di Appignano.