Whirlpool: Landini, “No alla chiusura degli impianti”

Maurizio_Landini_by_Stefano_Gizzi_-_International_Journalism_Festival_2013FABRIANO – ”Non si firma nulla senza il coinvolgimento di tutti, e di tutti i lavoratori”. Lo ha detto il segretario della Fiom Maurizio Landini (foto), che ha preso parte al presidio dei lavoratori Indesit a Fabriano, contro il piano esuberi di Whirlpool.

”Whirlpool – ha detto – deve mettere sul tavolo tutto quello che vuole fare. La chiusura di None e Carinaro va rigettata. Di fronte a 500 milioni di investimenti vogliamo capire quale piano c’è. Non si può dire investo qui e licenzio dall’altra parte”.

Landini è venuto a sostenere lo sciopero unitario di tre ore proclamato dalle Rsu di Fim, Fiom e Uilm degli stabilimenti di Melano, Albacina e delle sedi impiegatizie di Indesit.

“Dobbiamo approfondire e fare una verifica a tutto campo su come si svolgeranno gli investimenti su ricerca e sviluppo – ha aggiunto – È una partita difficile, complessa ma ancora aperta. Vedo la necessità di non lasciare all’azienda la possibilità di trattare direttamente territorialmente. Whirlpool deve trattare complessivamente tutti i temi, in modo da dare il giusto tono e livello a tutta la trattativa”.