Pesaro, “Gli inglesi alla scoperta del mondo”: al via il ciclo di incontri

Dal 13 gennaio/Ciclo di incontri alla biblioteca San Giovanni. Relatore: Roberto Bertinetti. Il primo appuntamento avrà per tema “Racconti di viaggi in Europa e in Oriente”

Pesaro, "Gli inglesi alla scoperta del mondo": al via il ciclo di incontriPESARO – Sabato 13 gennaio, alle ore 17, alla biblioteca San Giovanni prenderà il via un ciclo di tre incontri organizzato dall’Università dell’Età Libera e dedicato a “Per mare e per terra. Gli inglesi alla scoperta del mondo”. Il primo appuntamento avrà per tema “Racconti di viaggi in Europa e in Oriente”, nelle settimane successive si parlerà de “Il fardello dell’uomo bianco: la letteratura e la conquista dell’Impero” e, infine, della narrativa postcoloniale di lingua inglese, premiata più volte con il Nobel negli ultimi anni. Relatore, Roberto Bertinetti.

Durante il primo incontro ci si soffermerà in particolare sulla storia del Grand Tour, intrapreso per oltre tre secoli, a partire dal Cinquecento, dai rampolli dell’aristocrazia inglese e dai maggiori intellettuali per poter scoprire quanto stava accadendo sul continente europeo, in particolare in Italia.

Il viaggio di istruzione aveva come obiettivo la formazione del giovane gentiluomo tramite il confronto tra il noto e l’ignoto con l’intento, affermava Montaigne, “di strofinare il proprio cervello contro quello degli altri”. Durante l’incontro sarà ricostruita la storia letteraria del Grand Tour, prendendo anche in considerazione gli itinerari, i mezzi di trasporto e i diversi sistemi di ospitalità. Si indagherà poi sui resoconti riportati dai viaggiatori e dalle viaggiatrici inglesi al termine dei loro soggiorni in Oriente: paesaggi abbacinanti di luce, architetture grandiose, abbigliamenti bizzarri e pittoreschi, fragranze di rarissime spezie, voluttuose figure femminili. Questi racconti, spesso al centro di volumi di successo a partire dal Settecento, hanno stipato l’immaginario britannico delle raffigurazioni di un mondo esotico e altamente erotico, dispotico e crudele, di cui si sono spesso appropriate l’arte, la moda e la letteratura.

Roberto Bertinetti insegna Letteratura inglese all’Università di Trieste, scrive per “il Venerdì” di Repubblica”, per i quotidiani “Il Messaggero” e “Il Mattino”, per la rivista “il Mulino” e collabora a Radio3 RAI e alla Radio Svizzera Italiana. Oltre a numerosi volumi sulla narrativa britannica del XIX secolo ha pubblicato, tra l’altro, Dai Beatles a Blair. La cultura inglese contemporanea (Carocci), Londra. Viaggio in una metropoli che non si ferma mai (Einaudi), curato una nuova edizione delle opere di Jane Austen per Einaudi e per la Rizzoli i Romanzi di Virginia Woolf, una raccolta di pagine inedite in Italia sulla letteratura della stessa Woolf (Consigli a un aspirante scrittore) e Le due città di Charles Dickens. Il suo ultimo libro, pubblicato da Bompiani nel 2017, si intitola L’isola delle donne e propone i ritratti di nove signore inglesi che hanno rivoluzionato la vita politica, culturale e sociale del loro paese. Tra le protagoniste, Elisabetta I, Margaret Thatcher, Jane Austen, Virginia Woolf, Mary Quant e Vivienne Westwood.