#ORIZZONTEFANO: l’edilizia del territorio alla ricerca delle sue linee guida

di Mauro Rutolo

Marco Paolini
Marco Paolini

FANO (PU) – Conoscere la Fano di oggi per poter immaginare la fisionomia della Fano del 2030, l’ambizioso fine dell’OST Foro Urbano, in programma il 4 marzo nella ex Chiesa di Sant’Arcangelo.

Capire Fano significa impegnarsi a comprendere una città in crescita costante da decenni, intuirne lo sviluppo futuro in modo da assecondarlo; tutti questi temi sono contenuti all’interno del Piano Strategico #ORIZZONTEFANO.

Alla base della discussione ci saranno i dati raccolti dall’Università di Urbino, dati che mostrano una città profondamente cambiata negli ultimi dieci anni, soprattutto dal punto di vista urbanistico, con un’espansione edilizia attestata al 42,5% nel segmento di tempo 2001-2011, circa dieci punti in più rispetto a Pesaro e Senigallia.

Nell’ambito dell’OST andrà tenuto conto anche di un altro numero, il 224, corrispondente alla percentuale di crescita degli edifici commerciali in dieci anni, passati dai 976 del 2001 ai 3.162 del 2011, dato significativo riguardo allo sviluppo commerciale della città.

Tra i vari studi effettuati sul territorio si è valutato anche il valore economico degli immobili siti nel fanese, valore medio sceso di due punti e mezzo tra il 2014 (2.376 euro/mq) e il 2016 (2.228 euro/mq).

Altri dati presi in esame, e di cui si dibatterà durante Foro Urbano, saranno la situazione degli alloggi, le zone sature e quelle invece in via di sviluppo.

L’idea del Foro Urbano è un modo per condividere con la cittadinanza la realtà di Fano e insieme, attraverso discussioni e tavole tematiche, affrontare il futuro della città.

L’appuntamento con Foro Urbano è per sabato 4 marzo, dalle 9, nell’ ex chiesa di Sant’Arcangelo per continuare nel pomeriggio presso la mediateca Montanari, unica richiesta è la compilazione del form disponibile, insieme ad altre e più dettagliate informazioni, all’indirizzo Internet del Comune di Fano: www.comunedifano.it.