Migranti, Forza Nuova torna ad Ascoli: oltre duecento firme raccolte in due ore contro il Prefetto

ASCOLI PICENO – Ieri pomeriggio (sabato 28 ottobre) i militanti del movimento nazionalista Forza Nuova hanno organizzato nella centralissima Piazza del Popolo, un gazebo per manifestare il loro dissenso, la loro indignazione e la loro rabbia dopo lo stupro subito da una ragazzina di 13 anni per mano di due richiedenti asilo nigeriani, domiciliati presso l’Oasi Carpineto: due ragazzi di 20 e 21 anni, ora imputati per violenza sessuale su minore.

“E’ vergognoso e indegno di una nazione che si definisce civile, continuare a tollerare episodi di questo tipo portati a termine da queste persone che in Italia non dovrebbero nemmeno esserci – afferma senza mezzi termini Giuseppe Zito, dirigente nazionale di Forza Nuova e coordinatore per la Regione Marche – Nella giornata abbiamo raccolto oltre 200 firme di persone che si sono avvicinate al gazebo per sottolineare il loro sdegno nei confronti di un Prefetto e di una amministrazione comunale sordi al problema dell’immigrazione e che dobbiamo assolutamente considerare complici di questo stupro”.

“Non solo siamo profondamente contrari ad una legge infame come lo Ius Soli, pensata solamente per convalidare la presenza sul territorio di decine di migliaia di clandestini – continua Zito – ma ci opporremo con tutte le nostre forze affinchè finisca al più presto questa moderna tratta degli schiavi, messa in piedi sulle spalle dei nostri fratelli italiani. La nostra pazienza, al pari di quella degli ascolani, è finita: Foza Nuova si impegna nei prossimi giorni ad intraprendere tutte le azioni necessarie al fine di mettere un freno a questa scellerata immigrazione programmata, mascherata da accoglienza”.