Mattia Cigalini Quartet con Fabrizio Bosso al Sant’Elpidio Jazz Festival 2015

Mattia Cigalini QuintetSANT’ELPIDIO – Proseguono a Sant’Elpidio gli appuntamenti con il grande jazz in occasione della sedicesima edizione di ‘Jazz di Marca, Sant’Elpidio Jazz Festival’, promosso con la passione e la costanza di sempre dall’Associazione Syntonia Jazz. Stasera toccherà al Mattia Cigalini Quartet special guest Fabrizio Bosso, in piazza Matteotti con Mattia Cigalini al sassofono, Fabrizio Bosso alla tromba, Mark Abrams al contrabbasso, Mauro Beggio alla batteria, Paolo Birro al pianoforte. Concerto dedicato a Marco Tamburini. Sentito omaggio da parte del festival al talentuoso trombettista scomparso nel giugno scorso in un tragico incidente stradale.

Domenica 2 agosto è la volta di Noa & Gil Dor Duet. Il 6 agosto arriva Jojo Mayer Trace Elements, progetto di Paolo Di Sabatino, al piano con due musicisti di primaria grandezza quali Christian Galvez al basso e Jojo Mayer alla batteria, che presentato il nuovo album “Electric jazz”. Concerto di chiusura il 25 agosto con eMPathia Jazz Duo al Diamond Center di Porto Sant’Elpidio, con la straordinaria voce di Mafalda Minnozzi, superlativa cantante marchigiana naturalizzata brasiliana, e l’incantevole chitarra di Paul Ricci, newyorkese anche lui trapiantato da molti anni a San Paolo del Brasile.

Tutti gli appuntamenti avranno inizio alle ore 21.15, l’ingresso è di 15 euro tranne che per l’evento di chiusura del 25 agosto al Diamond Center, che sarà ad ingresso gratuito. Gli appuntamenti di piazza Matteotti in caso di maltempo saranno proposti all’Auditorium Giusti, fatta eccezione per la performance di Noa che sarà proposta, in alternativa alla piazza, alla Perinsigne Collegiata.

ll Sant’Elpidio Jazz Festival è nato nel 2000 sotto la direzione artistica di Alessandro Andolfi, Presidente dell’Associazione Syntonia Jazz con l’ambizioso obiettivo di promuovere iniziative di carattere culturale, legate prevalentemente all’approfondimento di una delle più grandi e affascinanti galassie artistiche del ventesimo secolo: il jazz. Di anno in anno, un’edizione dopo l’altra, la magia della musica jazz ha preso corpo dando vita ad un festival di spessore che, in questa nuova edizione, conta cinque appuntamenti prestigiosi.

“Jazz di Marca è ormai un festival conosciuto in tutta Italia – sottolinea Alessandro Andolfi, direttore artistico del festival – e la conferma arriva anche quest’anno da un calendario che ospita musicisti presenti in molti altri cartelloni di festival jazz nel resto del mondo e non solo nei programmi dei festival italiani. Con la presenza di Noa vogliamo sottolineare anche il nostro impegno a favore di un ruolo trainante della musica anche in ambito sociale e formativo. Per essere arrivati a questo punto ringraziamo certamente le istituzioni pubbliche, private e di categoria e gli imprenditori che, con le loro sponsorizzazioni, continuano a sostenere questa rassegna negli anni. Grazie a tutti loro è stato possibile portare Jazz di Marca ai massimi livelli regionali e nazionali a vantaggio e lustro di tutti, non ultimi noi che come associazione di volontariato no profit siamo orgogliosi di aver contribuito alla creazione di questo indotto con una notevole ricaduta turistica e culturale permanente a vantaggio di tutta la regione Marche”.