Libri: Stefano Pivato presenta a Pesaro “Favole e politica”

Favole e PoliticaPESARO – Oggi pomeriggio alle ore 18, nell’auditorium di palazzo Montani (piazza Antaldi, 2) a Pesaro, nell’ambito della serie “Pesaro Storie”, in collaborazione con Iscop e Biblioteca “Bobbato”, verrà presentato il volume di Stefano Pivato “Favole e politica. Pinocchio, Cappuccetto rosso e la Guerra fredda” (Il Mulino, 2015). Discutono con l’autore Matteo Ricci, sindaco di Pesaro, e Ugo Berti Arnoaldi, presidente della Fondazione Biblioteca del Mulino. Ingresso libero. La cittadinanza è invitata.

Nell’età delle masse, la politica vuole parlare a tutti e di conseguenza adotta un linguaggio semplice e di persuasione; il parlar figurato, per metafore e per apologhi, è strumento principe di propaganda. Così non stupisce che la politica racconti, letteralmente, favole, cioè ricorra a strutture narrative note, proprie della tradizione favolistica, mescolando dati reali con elementi satirici, leggendari, zoomorfici, ecc. Pinocchio, che è – anche oggi – il personaggio fiabesco più citato nella metafora pubblica e nella satira italiana, è così di volta in volta campione fascista e poi comunista; il Gatto e la Volpe sono effigiati come Togliatti e Nenni quando, in cambio di un semplice voto, invitano il burattino di Collodi al Paese della Cuccagna.

Ma non solo: Stalin è personificato come Mangiafuoco, Truman come Orco, il lupo di Cappuccetto rosso ha i tratti di Togliatti, ecc. Tutto ciò è allusivo, falso e seducente, come dimostra lo studio di Stefano Pivato che approfondisce il tema del vasto campionario di favole utilizzato dalla politica italiana, soprattutto negli anni della Guerra fredda.