Italservice-AcquaeSapone 4-1, Pesaro ribalta Bocao e vince

PESARO – L’AcquaeSapone Unigross a Pesaro perde la testa della serie A: quinto ko stagionale per la squadra di Ricci, al termine di una prestazione negativa e da dimenticare in fretta. Il 4 a 1 per la squadra di casa, alla fine dei 40’, non fa una piega. Ora sulla cima della classifica c’è la Luparense, con Murilo e compagni al secondo posto.

L’influenza molla la presa su Lukaian, che recupera in extremis, ma blocca Bertoni, Rocha, Sergio e Amarchande. Anche a Pesaro, come in Coppa, Ricci riempie l’ultima casella dei dodici con Junior, che si ripresenta in serie A a 45 anni e ad un lustro dalla sua ultima apparizione con la maglia del Montesilvano. Il suo nuovo, storico esordio arriva al 16’ del primo tempo.

I nerazzurri creano i primi problemi a Micoli nei primi minuti da un fallo laterale e da un angolo (con Lima e Jonas), il Pesaro ci prova giocando palle lunghe alle spalle della difesa di Ricci, che chiama time out e sistema le cose dopo 3’. Murilo e compagni riprendono le misure sul perimetro agli avversari. Al 6’ Mammarella deve compiere il primo intervento vero della serata sul diagonale di Tres. Da un errore della difesa marchigiana, dopo 7’20’’, Bordignon s’incarta davanti a Micoli e spreca una chance clamorosa. A metà tempo lo strappo: Coco apre a sinistra per Jonas che danza sulla palla, scappa a Cesaroni e poi allarga sul palo opposto per Bocao, che arriva e scarica di prima nell’angolino per il vantaggio. Coco e Bordignon subito vicini al raddoppio. Diaz sfrutta il suo time out per richiamare i suoi: difesa bassa, meno pressing e più possesso. A 7’ dall’intervallo la nuova tattica porta Pesaro ad un passo dal pari: Tres sprinta a sinistra e sgancia un bolide sul palo. La partita si accende nel finale con Mammarella che dice no a Manfroi in uscita e Micoli che salva in spaccata su Lukaian.

Fortini-Stringari-Manfroi al 5’, con la conclusione del pivot sul palo esterno da due passi, aprono la ripresa. Un cattivo presagio per Ricci perché poco dopo arriva il pareggio: Manfroi calcia forte da sinistra verso la porta, Tonidandel sbuca sul secondo palo col petto chiude in gol. Momento difficile, all’8’ Mammarella monumentale su Revert Cortes da zero metri. Prima del 10’, però, il portierone deve immolarsi fuori area per evitare il raddoppio e viene espulso. In inferiorità, l’impresa di evitare il gol marchigiano non riesce. Manfroi segna il 2 a 1. I nerazzurri sbandano vistosamente e rischiano ancora con un’azione fotocopia: Casassa esce alla disperata e viene ammonito.

A 8’30’’ dalla fine, Coco portiere di movimento. Ma l’attacco nerazzurro è poco convinto e regala ai padroni di casa la palla del tris, firmato dall’ex Cesaroni con la porta vuota a 6’ dalla sirena. Ricci cambia portiere: Murilo. Proprio il capitano sfiora subito il gol di testa. Ma l’AcquaeSapone non c’è più e Marcelinho la mette ko con il poker biancorosso.

ITALSERVICE PESARO – ACQUAESAPONE UNIGROSS 4-2 (pt 0-1)

ITALSERVICE PESARO: Micoli, Tonidandel, Tres, Curri, Stringari, Manfroi, Cesaroni, Revert Cortes, Boaventura, Fortini, Marcelinho, Guennounna. All. Diaz.

ACQUAESAPONE UNIGROSS: Mammarella, Lima, Bordignon, Murilo, Calderolli, Lukaian, De Oliveira, Bocao, Coco Wellington, Jonas, Junior, Casassa. All. Ricci.

ARBITRI: Chiariello (Barletta), Davì (Bologna), Parrella (Cesena), crono Tomassetti (Ascoli Piceno).

MARCATORI: nel p.t. 9’06’’ Bocao (A); nel s.t. 6’22’’ Tonidandel (P), 9’53’’ Manfroi (P), 13’16’’ Cesaroni (A), 19’30’’ Marcelinho (P).

NOTE: espulsi 9’19’’ s.t. Mammarella (A); ammoniti Bocao (A), Tonidandel (P), Casassa (A).