Gdf Pescara arresta tre pesaresi per il reato di bancarotta fraudolenta

Guardia di FinanzaPESARO – Dalle prime ore della mattinata odierna, una ventina di militari del Comando Provinciale
della Guardia di Finanza di Pescara stanno dando esecuzione ad alcuni provvedimenti emessi dall’Autorità Giudiziaria di Pescara in materia di reati fallimentari. Nello specifico, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Pescara hanno tratto in arresto 3 soggetti (di cui uno in carcere e 2 agli arresti domiciliari) e hanno notificato la conclusione delle indagini preliminari nei confronti di altri 2 soggetti, tutti accusati di appartenere a un gruppo criminale che ha creato realtà sociali tra loro utilitaristiche, attraverso il travaso i liquidità e condotto alcune di queste a decozione pervenendo al detrimento degli interessi economici di creditori privati e pubblici.

La storia imprenditoriale dei tre indagati è all’insegna della creazione e gestione di società improntate al loro tornaconto personale, lucrativo ed illecito. Il provvedimento di custodia cautelare è stato emesso dal GIP presso il Tribunale di Pescara, cui era stato richiesto dalla locale Procura della Repubblica, alla conclusione di una complessa ed articolata attività investigativa, durata più di due anni, che ha consentito di accertare come la mente del gruppo criminale (un 59enne di Pesaro), dopo essersi spogliato di qualsiasi carica societaria, continuava a programmare e ad attuare tutte le strategie economico-finanziarie della società, in completa autonomia rispetto agli amministratori formalmente nominati.

Unitamente al “dominus” sono stati tratti in arresto la moglie (52enne di Pesaro) ed uno strettissimo collaboratore (un 53enne di Mercatello sul Metauro), mentre ad altri due “prestanome” (un 68enne di Benevento e un 47enne di Pesaro), è stata notificata unicamente la chiusura delle indagini preliminari. Il reato contestato a tutti è quello di “bancarotta fraudolenta” per aver distratto ingenti somme di denaro dal patrimonio di una società titolare di supermercati a Pescara), causandone il fallimento.

L’operazione, denominata “Serial Failure” (“fallimenti in serie”), prende nome dal modus operandi con cui gli indagati erano soliti approcciarsi, con particolare riferimento alla “mente finanziaria” del gruppo, alla gestione di dodici attività commerciali allo stesso riconducibili, di cui la maggior parte in fallimento ovvero in evidente stato di decozione.

Nello specifico, il dissesto finanziario della società trae origine dal reiterato depauperamento delle finanze societarie che ha causato uno stato passivo di circa 7 milioni di euro. A tale risultato si è pervenuti mediante la ricostruzione dei flussi finanziari e le connesse indagini bancarie e patrimoniali, che hanno fatto emergere condotte distrattive consistenti in sistematici, ripetuti e ingenti prelievi di denaro contante dai conti societari, nonché mediante l’alterazione della contabilità, realizzata attraverso artifici contabili quali la cancellazione tout court di interi blocchi di registrazioni, la contabilizzazione di costi fittizi e l’annotazione di meri giroconti e storni risultati privi di qualsiasi giustificazione economica.

Nel complesso, attraverso tali operazioni e ulteriori trasferimenti di denaro a società “amiche”, sempre riconducibili agli indagati, sono stati distratti dal patrimonio della società oltre 5 milioni di euro (sottrazione rimanenze di magazzino per circa 700mila euro, consulenze simulate per 3 milioni di euro e ingiustificati prelievi delle risorse finanziarie per il tramite di fittizie interposizioni societarie per circa 2 milioni di euro).