Garante delle Marche, cresce il sovraffollamento nel carcere di Montacuto

Carcere prigioneANCONA – E’ “in graduale aumento” e sta creando “situazioni di oggettivo disagio” il sovraffollamento nel carcere anconetano di Montacuto, tanto che il Garante dei diritti Andrea Nobili ha inviato una segnalazione al capodipartimento del Dap e al Provveditore del Prap di Emilia Romagna e Marche e intende organizzare dei sopralluoghi con i nuovi parlamentari.

Attualmente sono 311 i detenuti presenti su una capienza regolamentare di 257 e con 14 posti dichiarati inagibili. “La quinta branda è ormai stata posizionata in tutte le camere di pernottamento -. dice Nobili – e si sta già predisponendo l’introduzione della sesta”.

Problemi che si assommano a quelli già segnalati dal Garante, tra cui la presenza di diversi detenuti con patologie psichiatrico, nonché legate alle tossicodipendenze, e la inadeguatezza degli organici rispetto alle indicazioni ministeriali.

Per Nobili “c’è il rischio che nel prossimo futuro non si riesca a rispettare i parametri di vivibilità sanciti dalla Corte Europea per i Diritti dell’Uomo”.