‘Divinissimo’ giovedì 23 marzo al Teatro Sanzio di Urbino

URBINO – Giovedì 23 marzo alle ore 21, al Teatro Sanzio di Urbino, saranno i giovani attori del Centro Teatrale Universitario Cesare Questa ad aprire in grande stile le Celebrazioni Raffaellesche 2017 con Divinissimo, scritto e diretto da Michele Pagliaroni. Lo spettacolo è frutto di una co-produzione di Accademia Raffaello e Centro Teatrale Universitario Cesare Questa, in colla­bora­zione con Comune di Urbino, Università degli Studi di Urbino Carlo Bo e AMAT.

Il progetto nasce da un dialogo proficuo fra le principali istituzioni di Urbino e del territorio ed è reso possibile dal lavoro di tanti giovani che animano la città universitaria e che compongono la squadra del CTU: regista, attori, scenografi, costumisti, tecnici, organizzatori, promoters. La compagnia è composta da attori professionisti e da allievi formatisi all’interno dei laboratori di teatro dell’Università di Urbino, tutti under 30: Giulia Parenti, Daniele Targhini, Lorenzo Benedetti, Riccardo Ciocci, Umberto Brunetti, Andrea Milano.

Divinissimo non intende raccontare Raffaello da una prospettiva biografica, ma catturarne il mito di riflesso, attraverso un soggetto originale che, tra storia e scrittura poetica, prenda le mosse dalle suggestioni legate alla celebre Loggia di Psiche di Villa Farnesina a Roma.

Ha detto Maurizio Gambini, Sindaco di Urbino: «Questa Amministrazione comunale ha sempre cercato di promuovere e favorire la cooperazione fra le istituzioni cittadine per realizzare dei progetti che avessero una ricaduta positiva per Urbino e il territorio. In questo caso, siamo davanti a un progetto culturale che mette insieme il Comune, l’Università degli Studi, l’Accademia Raffaello e i giovani del Centro Teatrale Universitario Cesare Questa, per realizzare uno spettacolo dedicato a Raffaello. I giovani hanno potuto programmare una vera e propria “residenza teatrale”, utilizzando anche gli spazi della Sala del Maniscalco-Ridotto del Teatro per preparare quanto andrà in scena il 23 marzo. Siamo orgogliosi del fatto che lo spettacolo apra le Celebrazioni Raffaellesche 2017. Come città, stiamo sostenendo con sempre maggiore determinazione l’abbinamento fra Urbino e Raffaello: il binomio è uno degli elementi caratterizzanti della nostra promozione turistica. E lo sarà anche in futuro, puntando a costruire un percorso che guardi alle celebrazioni dei 500 anni dalla morte del grande artista, previste nel 2020. Divinissimo è quindi una operazione in perfetta coerenza con i programmi dell’Amministrazione Comunale».

Ha aggiunto Vilberto Stocchi, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo: «Dal 2016 l’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, attraverso la costituzione ufficiale del CTU Cesare Questa, ha scelto di investire sul teatro in quanto esperienza umana, formativa, professionale. Vedere in questi giorni tanti giovani mettere in campo concretamente le proprie competenze per la costruzione di un progetto capace di rappresentare la città in cui hanno scelto di studiare – e, in alcuni casi, di vivere – significa che li stiamo incoraggiando non soltanto a muoversi all’interno di un cursus studiorum, ma anche ad un attivo impegno nella Società».

Platea, Palchi I e II ordine € 15 – ridotto € 8

Palchi III ordine e loggione € 10 – ridotto € 8

Il ridotto è valido per studenti Università, Accademia di Belle Arti, ISIA e under 19