Camerino, cantieri Sae: la Regione fa il punto sulla situazione

Camerino, cantieri Sae: la Regione fa il punto sulla situazione ANCONA – C’erano tutti i responsabili dei cantieri, i direttori dei lavori e i rappresentanti delle ditte all’incontro voluto quest’oggi in Regione dal presidente Ceriscioli e dal sindaco Pasqui. Con il primo cittadino anche l’assessore Mancinelli, il segretario generale Montaruli e il responsabile dell’ufficio tecnico Orioli, mentre per la Regione Marche erano presenti anche l’assessore Sciapichetti, la consulente Giannini e i tecnici responsabili.

L’incontro è stato voluto per fare il punto della situazione nei vari cantieri Sae di Camerino, alla luce delle tante problematiche emerse nel corso delle opere e che, come è stato sottolineato, non erano preventivabili in sede di progettazione. Un modo congiunto, quindi, per rispondere anche alle tante dicerie su colpe o presunte colpe di Comune, Regione, ditte o Protezione civile.

Nel nuovo programma redatto oggi sono state fissate le date di consegna delle casette, con le prime delle 311 Sae di Camerino che verranno consegnate, secondo quanto affermato in Regione, tra la fine del mese di febbraio (Morro) e il 15 marzo (Cortine Ovest), per poi proseguire nel mese di maggio fino a chiudere, a metà giugno, con l’area di Arcofiato.

“Ringrazio il presidente Ceriscioli – ha affermato il sindaco Pasqui – e con lui anche tutte quelle persone che da mesi stanno lavorando. È chiaro ed evidente che ci sono stati dei ritardi ma è altrettanto chiaro ed evidente, alla luce della riunione di oggi, che certe problematiche sono emerse solo in corso d’opera e che, quindi, non è il caso di puntare il dito verso il Comune, la Regione, le ditte o i progettisti. Il presidente mi ha garantito che nei prossimi giorni la Regione Marche diffonderà il nuovo cronoprogramma dove sarà illustrata la situazione area per area.

Con l’incontro di oggi ho voluto anche portare al presidente Ceriscioli tre argomenti che mi stanno particolarmente a cuore: il primo è la necessità di approvare la perimetrazione del centro storico così da poter disporre dei fondi necessari all’attuazione del piano strategico, il secondo quello di inserire anche Camerino tra le otto richieste di una nuova Tac per gli ospedali marchigiani e, infine, una nuova e più adeguata copertura per la palestra situata nel quartiere delle Conce e che serve l’istituto professionale, magari attingendo ai fondi degli sms solidali”.